slideshow 16 slideshow 1 slideshow 2 slideshow 3 slideshow 4 slideshow 5 slideshow 6 slideshow 7 slideshow 8 slideshow 0 slideshow 9 slideshow 10 slideshow 11 slideshow 12 slideshow 13 slideshow 14 slideshow 15

GIOCHI DELLA CHIMICA

Giochi della Chimica 2018- Finali Nazionali e Selezione Olimpica, Roma, Parco Tirreno

Il giorno 16 maggio 2018 dalle 9:30 alle 12:30 si è tenuto, nell’ambito delle finali nazionali dei Giochi della Chimica, una iniziativa di aggiornamento insegnanti a cura di Giovanni Villani ed Eleonora Aquilini che hanno discusso sul tema:

"Atomo classico e Atomo moderno: approccio storico e utilizzo didattico"

 

I Giochi della Chimica sono nati nel 1984 in Veneto e per tre anni hanno avuto una dimensione regionale. Nel 1987 i Giochi divengono un evento nazionale, e da allora si articolano in tre fasi: una regionale, una nazionale ed una internazionale. I Giochi della Chimica,  rivolti a  tutti gli studenti delle scuole secondarie superiori italiane, hanno l’obiettivo di stimolare nei giovani l’interesse per questa disciplina.

Organizzati dalla Società Chimica Italiana su affidamento del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca si svolgono grazie al supporto operativo delle Sezioni della Società che curano la fase regionale dei Giochi. Recentemente il MIUR ha inserito i Giochi e le Olimpiadi della Chimica tra le iniziative di valorizzazione delle eccellenze riguardanti gli studenti delle scuole secondarie superiori.

La fase regionale, che consiste nella soluzione di problemi a risposta multipla, è aperta a tutti gli studenti delle scuole secondarie superiori suddivisi in tre Classi di Concorso: A, B, C.

La classe A è riservata agli studenti dei primi due anni della scuola secondaria superiore, la classe B è riservata agli studenti del successivo triennio che frequentano istituti non compresi tra quelli di seguito indicati e, infine, la classe C è riservata agli studenti del triennio dei nuovi Istituti Tecnici, settore Tecnologico, indirizzo Chimica, materiali e biotecnologie.

La fase regionale dei Giochi della Chimica si svolge normalmente all’inizio del mese di maggio con il supporto delle Sezioni della SCI che curano l’organizzazione a livello locale delle Finali Regionali. Ovviamente i quesiti sono differenziati in base alle Classi di Concorso ma sono comuni a livello nazionale e le Finali Regionali iniziano contemporaneamente in tutte le sedi con l’apertura dei plichi contenenti i quesiti.

I primi classificati delle tre Classi di Concorso di ogni Finale Regionale partecipano alle Finali Nazionali che si sono svolte fino al 2016 presso il Centro Giovanni XXIII di Frascati e dal 2017 si svolgono presso il Parco Tirreno a Roma.

Nel corso delle fasi preliminari viene selezionata una squadra costituita da 8 studenti che sarà sottoposta ad un allenamento intensivo di una settimana ad opera di giovani docenti e ricercatori universitari. Al termine di questo primo allenamento vengono scelti i quattro studenti che comporranno la squadra italiana per le Olimpiadi Internazionali della Chimica e che saranno ulteriormente allenati per un’altra settimana immediatamente prima della partenza per le Olimpiadi.

 

Per l’organizzazione dei Giochi della Chimica in Italia e per la partecipazione degli studenti italiani alle Olimpiadi Internazionali della Chimica sono necessari l’impegno e l’entusiasmo di numerose persone ma un riconoscimento particolare per la loro opera svolta in passato è dovuto ai colleghi Mario Anastasia, Romualdo Caputo e Gianfranco Scorrano.

L’attuale Coordinamento Nazionale dei Giochi è costituito dai Soci Agostino Casapullo, Giorgio Cevasco, Raffaele Riccio e Silvana Saiello.

 

Il Prof. Mauro Tonellato cura un sito nel quale sono raccolte molte utili informazioni sia sui Giochi sia sulle Olimpiadi della Chimica a partire dal 2006.  

   

 

  

Copyright © 2012 Società Chimica Italiana. All Rights Reserved.