slideshow 16 slideshow 1 slideshow 2 slideshow 3 slideshow 4 slideshow 5 slideshow 6 slideshow 7 slideshow 8 slideshow 0 slideshow 9 slideshow 10 slideshow 11 slideshow 12 slideshow 13 slideshow 14 slideshow 15

Feed aggregator

Branched polyphosphates can be stable after all

Chemical News - 25 September, 2021 - 00:26
Next step: Find them in biological systems

858 Therapeutics raises $60 million

Chemical News - 25 September, 2021 - 00:26

New method makes starch from CO₂ faster than plants can

Chemical News - 24 September, 2021 - 20:30
The advance hints at sustainable, efficient factory production of food and industrial chemicals

Pressure's on to reduce animal testing in the EU

Chemical News - 24 September, 2021 - 00:09
Parliament votes to accelerate transition to nonanimal methods for health and safety science

Racial bias appears in espionage charges

Chemical News - 24 September, 2021 - 00:09
An increasing number of people with Asian names are being charged, but a lower percentage are being convicted, a new analysis shows

Electronic chemicals draw investment

Chemical News - 23 September, 2021 - 23:15
Merck KGaA, Huntsman, and JSR respond to semiconductor shortages

A natural mosquito repellent's most active form found

Chemical News - 23 September, 2021 - 21:58
Chemists synthesized the most potent diastereomer by controlling reaction conditions

Il riscaldamento globale ha diverse velocità

BLOG: LA CHIMICA E LA SOCIETA' - 23 September, 2021 - 18:39

Rinaldo Cervellati

Dal 1948, la temperatura media annuale del pianeta è aumentata di 0,8 gradi. In Canada[1] questo valore è doppio  (+1,7 °C) e nell’estremo nord quasi triplo: +2,3 °C (Figura 1).

Questa è la conclusione del rapporto commissionato dal governo canadese sui cambiamenti climatici [1].

Non c’è da stupirsi per un paese situato ad alte latitudini. Più ci si avvicina all’Artico, più diventa caldo, ha affermato Steven Guilbeault su Radio Canada. Questo ecologista co-presiede l’Advisory Council on the Fight Against Climate Change, un’organizzazione istituita dal governo canadese afferma: “Più si arriva a nord dall’Ecuador, più velocemente le temperature aumentano. Nell’Artico, non è solo due volte più veloce della media planetaria, è 4 anche 5 volte più veloce! È un fenomeno planetario, è legato alla nostra geografia”.

“Se tutti i paesi rispettassero [i loro impegni] alla Conferenza di Parigi [sul clima] potremmo evitare 1°C di riscaldamento. Sarebbe un fatto enorme “.

Le conseguenze sono già molteplici per il Canada: innalzamento del livello degli oceani che lo costeggiano, aumento delle precipitazioni annue (con riduzione delle nevicate nel Canada meridionale). Nell’estremo nord, la durata e l’estensione delle assenze di ghiaccio marino nelle regioni canadesi dell’Oceano Artico e dell’Oceano Atlantico sono in aumento.

C’è anche un impatto sugli eventi meteorologici estremi, spiegano gli esperti che hanno scritto il rapporto: “Ciò aumenterà la gravità delle ondate di calore e contribuirà ad aumentare il rischio di siccità e incendi boschivi. Anche se le inondazioni interne sono il risultato di molteplici fattori, precipitazioni più intense faranno aumentare il rischio di inondazioni nelle aree urbane “.

L’azione umana è la principale responsabile.

Questo voluminoso rapporto rileva che le variazioni naturali del clima possono aver contribuito al riscaldamento osservato in Canada, ma specifica che il fattore umano, cioè le emissioni di gas serra, è dominante. Gli esperti canadesi affermano che: “È probabile che più della metà del riscaldamento osservato sia causato dalle attività umane”.

Il riscaldamento globale continuerà in Canada, ma la sua entità dipenderà dagli sforzi compiuti in tutto il mondo per ridurre le emissioni di gas serra, soprattutto nei prossimi due decenni. Il rapporto delinea diversi scenari per la fine del secolo. I più ottimisti prevedono un aumento di 1,8°C (rispetto al periodo di riferimento dal 1986 al 2005). Il più pessimista, se non si fa nulla, + 6,3 °C. Per il ministro federale dell’ambiente Catherine Mckenna, questo rapporto è un allarmante promemoria della necessità di agire.

Possiamo, dobbiamo e lo faremo. Il prezzo dell’inquinamento in Canada, oggi effettivo in tutto il paese, è un modo per agire e proteggere il nostro ambiente.

Questo rapporto è stato commissionato dal governo liberale di Justin Trudeau nel bel mezzo di un dibattito sull’introduzione di una carbon tax sulla benzina ma anche su olio combustibile, propano e gas naturale. Il risultato è stato la Carbon tax, ovvero l’aumento del prezzo del carburante per i contribuenti. Il principio è aumentare il prezzo di questi combustibili fossili che emettono molta CO2 per incoraggiare i privati ​​e le aziende a rivolgersi ad altre fonti di energia, a modi di trasporto e riscaldamento più ecologici.

Questa tassa sui prodotti fossili e derivati è entrata in vigore lunedì 1 aprile 2019 in quattro province canadesi: Ontario, Saskatchewan, Manitoba e New Brunswick. Tassa imposta dal governo federale, contro il parere dei vertici delle province interessate. A livello nazionale, il leader dell’opposizione, del partito conservatore, Andrew Scheer, è decisamente contrario a questa “tassa aggiuntiva”.

Il governo di Ottawa promette di restituire il 90% delle entrate di questa tassa al contribuente sotto forma di rimborso. Il resto dei fondi sarà investito in programmi di efficienza energetica. Non abbastanza da convincere il Premier della provincia del Saskatchewan, che annuncia di voler sporgere denuncia contro il governo canadese.

Il Canada è andato ieri, lunedì 19 al voto anticipato, a due anni dalle precedenti elezioni.

Opere consultate

[1] Sandy Dauphin, Au Canada, le réchauffement climatique va deux fois plus vite que sur le reste de la planète, France inter, 2 aprile 2019

https://web.archive.org/web/20190410152640/https://www.franceinter.fr/environnement/au-canada-le-rechauffement-climatique-va-deux-fois-plus-vite-que-sur-le-reste-de-la-planete

[1] Il Canada è un Paese del nord America compreso tra gli Stati Uniti a sud e il circolo polare artico a nord. È stato dominio inglese fino al 1931. Le sue dieci province e tre territori si estendono dall’Atlantico al Pacifico e verso nord nell’Oceano Artico, coprendo 9,98 milioni di chilometri quadrati. Le due lingue principali sono inglese e francese, ma essendo un Paese multietnico si parla il cinese, l’hindi, il tedesco, lo spagnolo, l’italiano e altre lingue.  Per esperienza personale desidero dire che il tasso di razzismo in Canada è prossimo a zero.

GenEdit raises $26 million to develop polymer nanoparticles

Chemical News - 23 September, 2021 - 14:00
The nanoparticles could deliver CRISPR gene editing therapies and drugs based on RNA and DNA

Restoring coral reefs with 3D-printed skeletons

Chemical News - 22 September, 2021 - 22:00
Complex shapes molded or 3D printed with calcium carbonate give corals a realistic structure to grow on

Aptamer-nanopore sensor detects only infectious viruses

Chemical News - 22 September, 2021 - 21:29
DNA-based device might offer rapid COVID-19 test that is not fooled by dead virus

Copyright © 2012 Società Chimica Italiana. All Rights Reserved.