slideshow 16 slideshow 1 slideshow 2 slideshow 3 slideshow 4 slideshow 5 slideshow 6 slideshow 7 slideshow 8 slideshow 0 slideshow 9 slideshow 10 slideshow 11 slideshow 12 slideshow 13 slideshow 14 slideshow 15

Feed aggregator

Two-headed molecules template layered crystals

Chemical News - 18 September, 2021 - 12:29
Self-assembled materials can combine properties of layers or yield new ones

Protein tracks calcium levels in MRI

Chemical News - 18 September, 2021 - 12:29
Novel sensor could one day detect electrical activity deep in living brains

Noninvasive analysis reveals gum arabic in Dead Sea Scrolls ink

Chemical News - 18 September, 2021 - 12:29
Researchers have developed an extraction method that pulls proteins and peptides off parchment without damaging it

CRISPR diagnostic verifies that meat is pork-free

Chemical News - 18 September, 2021 - 12:28
Technology could be a cheaper, simpler alternative to PCR for food-fraud surveillance

Another HIV vaccine fails, highlighting long-standing challenges in the field

Chemical News - 18 September, 2021 - 12:28
Johnson & Johnson's vaccine was only 25% effective at preventing disease, a level too low for trial to continue

Sustainable aviation fuel advances

Chemical News - 18 September, 2021 - 12:26

Solugen raises $357 million for its ‘chemienzymatic' approach

Chemical News - 18 September, 2021 - 12:26
5-year-old start-up combines enzymatic and traditional catalysis to reduce the carbon footprint chemical production

Lilly taps ProQR for RNA editing

Chemical News - 18 September, 2021 - 12:26

Scienza e società

BLOG: LA CHIMICA E LA SOCIETA' - 18 September, 2021 - 08:05

Vincenzo Balzani

(ripreso col permesso dell’autore da Bo7 del 12 settembre 2021)

Quando nel 1088 è stato fondato il più antico ateneo del mondo occidentale, l’Università di Bologna, le conoscenze scientifiche erano molto limitate. Con una battuta ovvia, che però ha un profondo significato, si può dire che a quei tempi gli scienziati sapevano quasi niente di quasi tutto. Essi, infatti, si limitavano a contemplare la Natura, nel tentativo di capirne le leggi. Poi verso il 1600, particolarmente con Galileo e Newton, si capì che, oltre ad osservarne i fenomeni naturali, si può interrogare la Natura mediante esperimenti, costringendola a rivelare i suoi segreti. Ha avuto così origine l’impressionante sviluppo della scienza e, col passare degli anni, il campo del sapere, allargandosi, si è frammentato in discipline diverse. Oggi, per scoprire o inventare qualcosa di nuovo è necessaria un’alta specializzazione, per cui, contrariamente a quanto accadeva un tempo, gli scienziati sanno quasi tutto, ma di quasi niente. E a volte accade che, per parlare di quel quasi niente che conoscono in modo così approfondito, usano parole che quasi nessuno capisce.

L’espandersi della conoscenza ha avuto, ovviamente, conseguenze molto positive, ma ha anche causato problemi. Si sono create fratture fra le varie branche della scienza,perché ogni disciplina è stata costretta a elaborare un proprio linguaggio, rendendo più difficile la collaborazione fra scienziati di ambiti diversi. Si è poi creata una frattura fra cultura scientifica e cultura umanistica, sintetizzabile nella frase dello studioso inglese Charles P. Snow: “Gli umanisti hanno gli occhi rivolti al passato, mentre gli scienziati hanno, per natura, il futuro nel sangue”. È una frattura che deve essere ricomposta perché la complessità del mondo deve essere affrontata con saperi diversi: il progresso, infatti, nasce solo dall’incontro, dal confronto e dalla collaborazione fra diversità.

Un’altra frattura pericolosa che va evitata è quella fra scienza e società, perché se è vero che la società non può fare a meno della scienza, è anche vero che la scienza avulsa dalla società non solo è poco utile, ma può anche diventare pericolosa. C’è una responsabilità che deriva dalla conoscenza: lo scienziato ha il dovere di occuparsi dei problemi della società e deve contribuire a risolverli. Ha molti modi di farlo: con le sue ricerche, l’insegnamento, la divulgazione della scienza e anche partecipando attivamente al governo della sua università, città, o nazione. Questo impegno è oggi più che mai importante, perché viviamo in un momento cruciale della storia, caratterizzato dal manifestarsi di due gravi problemi che rischiano di compromettere la vita delle prossime generazioni: l’insostenibilità ecologica, che ha il suo culmine nella crisi energetico-climatica, e l’insostenibilità sociale, causata dal continuo aumento delle disuguaglianze di reddito economico e di diritti. Come ha scritto il premio Nobel Richard Ernst: “Chi altro, se non gli scienziati, ha la responsabilità di stabilire le linee guida verso un progresso reale, che protegga anche gli interessi delle prossime generazioni?”

What we need to know to address PFAS contamination

Chemical News - 17 September, 2021 - 00:59
Regulators, utilities, and communities need more information to handle their PFAS problems, researchers say

Copyright © 2012 Società Chimica Italiana. All Rights Reserved.